HOME PAGE | LE NEWS DI OF | VIDEO | OFNEWS | MAGAZINE DI OF | CLASSIFICHE | OFTRAVEL Untitled | Log In | Log Out | Registra 
 OSSERVATORIO FINANZIARIO |  HOME BANKING | MUTUI | IMMOBILIARE | PRESTITI | CONTI CORRENTI | PREPAGATE | INVESTIMENTI

Per disattivarsi dalla mailing list OFNEWS clicca qui – Per disattivarsi dalla mailing list OFNEWS1 clicca qui – Per iscrivere un amico clicca qui – Per comunicare con la redazione clicca qui
OF NEWS E' ORA IN VERSIONE MOBILE
CLICCA QUI!
Oppure visita dal tuo dispositivo mobile www.ofnews.tv
Compatibile con iPhone, iPad, Android e BlackBerry. Se leggi questa newsletter in versione cartacea, puoi usare il qrcode per accedere alla versione mobile.
USCITA DI GIOVEDì 18 SETTEMBRE 2014
COVER STORY
Il Sole 24 Ore
Le banche dell'Eurozona scalpitano, soprattutto nei Paesi periferici dove il settore privato soffre da anni sotto i morsi del `credit crunch´, ma ormai siamo alle battute finali: le sottoscrizioni si sono aperte martedi' e alle 11.15 di domani, 18 settembre, sara' assegnata dalla Bce la prima tranche di finanziamento con Tltro (Targeted Long Term Refinancing Operation), il nuovo strumento vincolato messo in campo da Mario Draghi a inizio giugno per contrastare i rischi di deflazione dell'area dell'euro e sbloccare finalmente la congiuntura. Per il ministro dell'Economia, Pier Carlo Padoan, e' «realistico» pensare che le banche italiane possano ottenere circa 37 miliardi dalle prime due operazioni e secondo il Governatore di Banca d'Italia, Ignazio Visco, le aste potranno avere un impatto benefico sul pil italiano dello 0,5% se ci sara' pieno utilizzo.
ECONOMIA & FINANZA
Milano Finanza
Ubi Banca chiederà 3 miliardi di euro all'asta della Bce di dicembre per i nuovi Tltro (Targeted longer term refinancing operation). Lo scopo è di aumentare i prestiti all'economia reale, nonostante la debolezza della domanda di credito. Lo ha detto oggi il consigliere delegato del Consiglio di gestione, Victor Massiah, a margine del comitato esecutivo dell'Abi
Milano Finanza
Mediobanca prenderà meno di un miliardo di euro nell'ambito del finanziamento Tltro messo a disposizione delle banche europee dalla Bce per incentivare gli impieghi alle imprese. Lo ha annunciato oggi l'ad, Alberto Nagel, nella conference call con gli analisti sui conti dell'esercizio chiuso al 30 giugno scorso. La prima finestra per ottenere i finanziamenti Tltro è prevista per domani. Una seconda si aprirà a dicembre.
Il Sole 24 Ore
Mediobanca torna all'utile e al dividendo e rafforza ancora gli indici patrimoniali sullo sfondo del test Bce. In particolare, l'istituto di piazzetta Cuccia ha chiuso l'esercizio 2013-14 con un utile netto di 465 milioni, rispetto a perdite per 176 milioni di un anno fa. Quanto basta per distribuire un dividendo di 0,15 euro per azione. Il profitto netto consolidato rappresenta il risultato migliore dell'epoca post-Lehman ed è stato ottenuto sulla spinta dell'aumento dei ricavi a 1,82 miliardi (+12%) e del risultato operativo a 1,028 miliardi. In crescita anche il margine di interesse (+6% a 1,087 miliardi) e le commissioni (+3% a 424 milioni).
Il Sole 24 Ore
Vincent Bolloré sale all'8% di Mediobanca, mentre l'istituto di piazzetta Cuccia si prepara ad alzare il velo sui conti dell'esercizio 2013-14 che preannunciano un ritorno a un utile importante e al dividendo. Il finanziere bretone, secondo indiscrezioni, nelle ultime settimane avrebbe ulteriormente arrotondato la quota in piazzetta Cuccia portandola dal 7,5% all'8%, tetto massimo consentito dagli accordi parasociali. Finora, secondo quanto si apprende, non sarebbero pervenute comunicazioni ufficiali in Mediobanca, ma l'intenzione di Bolloré sarebbe quella di "aggiornare" la posizione in occasione della riunione del patto di sindacato, in agenda il 29 settembre.
Milano Finanza
Tornano utile e dividendo nel bilancio di Mediobanca. L'istituto di Piazzetta Cuccia ha archiviato l'esercizio 2013/2014, chiuso il 30 giugno di quest'anno, con un utile netto di 465 milioni di euro, il dato migliore dal 2009 anche se risulta sotto le stime degli analisti a 486 milioni di euro. L'utile si confronta con la perdita di 176 milioni di euro registrata nell'anno precedente a causa di pesanti svalutazioni sulle partecipazioni.
Corriere della Sera
Mps vara la banca online Widiba, approdo di un progetto nato un anno fa direttamente su Internet e punto decisivo del piano di ristrutturazione dell’istituto senese. Con appena 70 dipendenti - che arriveranno a 100, metà da Mps, altri dall’esterno - entro quattro anni a partire dall’esercizio 2015 Widiba (acronimo per Wise-Dialog-Banking, «fare banca attraverso un sapiente dialogo») vuole arrivare ad avere mille promotori finanziari, mezzo milione di clienti, 20 miliardi di masse intermediate e due anni di profitti alle spalle.
il Giornale
Le banche online non rappresentano certo una novità (Fineco è nata nel 1999 e Unicredit l'ha da poco quotata in Borsa), ma il Monte Paschi è convinto di recuperare terreno (e clienti) perduti con la sua «Widiba». Quest'ultima sarà operativa da domani per la comunità di 230mila persone che l'ha plasmata dal «basso» e da inizio ottobre per tutti gli altri. Ottobre dovrebbe sancire anche l'ingresso di Fintech e Btg, alleati della Fondazione Mps, nel cda del Monte Paschi. Dopo le vibrate proteste dei soci sudamericani, Palazzo Sansedoni ha trovato due consiglieri pronti a farsi da parte per onorare quanto previsto dal patto di sindacato che blinda il 9% dell'istituto, e a metà del prossimo mese si riunirà il board di Mps che dovrebbe cooptare gli ambasciatori di Fintech e Btg.
la Repubblica
Incompetenza territoriale. Questa la motivazione che ha spinto i pm di Siena, titolari delle inchieste su Mps, a trasferire i fascicoli relativi a Alexandria e Santorini ai colleghi di Milano. A fine luglio, a seguito dello spostamento a Milano dell'inchiesta principale sull'acquisizione di Banca Antonveneta, disposto dal tribunale di Siena, i magistrati avevano inviato a Milano anche i fascicoli relativi ad Alexandria e Santorini.
La Repubblica
Gli ultimi tre “allarmi” credit crunch sono stati lanciati nell’ordine, nel corso degli ultimi 30 giorni, dalla Cgia di Mestre (23 agosto, l’analisi collega la ridotta erogazione di credito alle imprese all’aumento del rischio usura), dalla Confcommercio (26 agosto, si denuncia l’aumento della stretta creditizia soprattutto sulle piccole imprese), e dalla Confesercenti (12 settembre, il presidente Marco Venturi ha lanciato un appello a favore delle pmi). Nel consueto rapporto mensile sulle banche l’Abi rileva che a luglio le sofferenze lorde risultano pari al 9% degli impieghi, in decisa crescita rispetto al 7,2% di un anno prima. Si tratta del valore più elevato dall’ottobre 1998. E purtroppo a pesare di più in questa massa di danaro che rimane intrappolato nel flusso banche-imprese sono proprio i prestiti ai piccoli operatori economici: il rapporto sofferenze/impieghi raggiunge infatti in questo caso il 15,3% rispetto al 12,9% del luglio 2013. La percentuale generale per le imprese tuttavia si riduce di poco (14,8%) mentre per le famiglie il tasso si ferma al 6,6%, rispetto al 6% dell’anno precedente.
Il Sole 24 Ore
La Carlo Tassara di Romain Zaleski ha chiuso l'accordo per cedere il 15,3% della Mittel. Oggi in mattinata la finanziaria avrebbe firmato l'intesa per il passaggio della quota all'imprenditore Franco Stocchi. Stocchi, ex proprietario del brand Jeckerson, venduto ai fondi di private equity alcuni anni fa per oltre 140 milioni di euro, diventerà quindi il primo azionista
Corriere della Sera
E proprio in Via Nazionale hanno bussato qualche settimana fa gli agenti di Equitalia per riscuotere una cartella da quasi 60 mila euro, scaduta a giugno. Non era tuttavia Via Nazionale ad essere inadempiente, ma l’Abi, l’Associazione bancaria italiana, per una morosità di Abiservizi, il ramo a cui fanno capo le attività nell’editoria, nei servizi, nella formazione. Il debito con l’erario ammontava a 82.960 euro e alla data di scadenza risultavano ancora 58.900 euro non versati. Gli agenti della riscossione non hanno fatto grande fatica a rintracciare la somma. Era in Banca d’Italia che si è vista recapitare un atto di pignoramento per l’importo non versato. Palazzo Koch aveva un debito con Abiservizi e, come di prassi, prima di saldare la fattura ha verificato che non ci fossero partite aperte con il Fisco, trovando un debito
Milano Finanza
"Una protratta deflazione potrebbe aumentare l'incertezza sulla capacità della Bce di offrire un'efficace risposta, indebolire il meccanismo di trasmissione monetaria e, in ultimo, riaccendere il dibattito su possibili uscite dall'euro". E' Fitch a lanciare l'allarme in un rapporto che analizza gli effetti di una prolungata deflazione, per ora non attesa, nell'area euro. In questo scenario è proprio l'Italia uno dei casi studiati per quantificare gli effetti che una discesa dei prezzi comporterebbe per il debito italiano e per la crescita.
Il Sole 24 Ore
L'economia tedesca ha rallentato la marcia a causa soprattutto delle crisi in Medio Oriente e Ucraina che hanno eroso la fiducia di imprese e famiglie. Molti si aspettano da tempo una riduzione delle stime di crescita, in primo luogo da parte del governo: lo ha già fatto capire il ministero dell'Economia. Un primo taglio delle previsioni è arrivato oggi dall'Associazione delle banche tedesche (Bundesverband deutscher banken).
Milano Finanza
Confindustria e Ibm insieme per lanciare il nuovo ecosistema web. E' stato presentato oggi a Milano in Assolombarda dal vice presidente per l'Organizzazione, Antonella Mansi, e dal presidente e amministratore delegato di Ibm Italia, Nicola Ciniero, il nuovo portale di Confindustria per il social business che al ruolo di fonte autorevole unisce quello di comunità di rete volta a favorire lo scambio dinamico di informazioni e contenuti messi a fattor comune grazie alla tecnologia Ibm.
il Giornale
I primi conti delle Poste firmati da Francesco Caio non sono particolarmente brillanti; ma la semestrale appartiene praticamente per intero al suo predecessore, Massimo Sarmi, perché l'avvicendamento è avvenuto in maggio. Calano, soprattutto, margini e profitti, segno di un sottile logoramento del business, specie se li si raffronta ai ricavi totali in crescita. Il messaggio intrinseco contenuto in questi risultati sembra essere uno solo: l'azienda ha bisogno ancora di tempo per quotarsi, perché per presentarsi al mercato ha bisogno di smalto e di inequivocabili prospettive di crescita. Questi comunque i numeri del periodo gennaio-giugno 2014: i ricavi complessivi, inclusi i premi assicurativi, si sono attestati a 15 miliardi di euro, due in più rispetto ai risultati del primo semestre 2013 (13 miliardi di euro) beneficiando del positivo andamento del comparto assicurativo. Il risultato operativo è stato di 506 milioni (661 nel 2013), mentre l'utile netto si è fermato a 222 milioni contro i 362 del primo semestre 2013.
AFFARI PERSONALI
Milano Finanza
Da inizio anno il settore delle utility ha registrato una performance del 16,1% (indice Msci in euro), più del triplo di quella dei listini (4,8%). E secondo gli analisti della banca d'affari Usa va seguito con grande attenzione per via delle caratteristiche difensive. I maggiori rischi sono legati agli eventuali cambiamenti nella regolamentazione dei mercati, mentre l’attenzione degli investitori è incentrata sulla crescita. Ecco i rating su dieci titoli, con i relativi target price.
Morningstar
“Un’eventuale separazione dalla Gran Bretagna solleverebbe questioni importanti e complicate, che dovrebbero essere negoziate”. William Murray, uno dei portavoce del Fondo monetario internazionale, durante la consueta conferenza stampa bisettimanale a Washington ha espresso bene la preoccupazione dei mercati per il risultato del referendum che dovrà stabilire se la Scozia farà ancora parte del Regno Unito o se, invece, avvierà la secessione. “C'è un processo politico in corso e non sarebbe appropriato commentarlo”, ha aggiunto, ammettendo tuttavia che una separazione “creerebbe una situazione di incertezza, soprattutto da un punto di vista monetario, finanziario e fiscale”.
La Repubblica
Come ampiamente previsto, la Federal reserve ha deciso di lasciare i tassi di interesse a un range tra lo 0 e lo 0,25%, il minimo storico a cui erano stati portati nel dicembre 2008. La riunione del Fomc, il braccio di politica monetaria della Fed, era iniziata ieri. Quattordici membri preferirebbero che il primo aumento dei tassi di interesse avvenga a fine 2015, mentre altri due punterebbero a un incremento del costo del denaro nel 2016. Dal sondaggio effettuato tra i membri del Fomc, inclusi quelli al momento senza diritto di voto, è emerso che il tasso di interesse medio ritenuto appropriato nel 2015 è pari all'1,375% (il 2,875% nel 2016). Si tratta di valori maggiori di quelli emersi dal sondaggio scorso (1,125% nel 2015 e 2,50% nel 2016). Quando la Fed deciderà di cominciare ad alzare il costo del denaro, "servirà un approccio equilibrato in linea con gli obiettivi di lungo termine su massima occupazione e inflazione al 2%".
Morningstar
Protocollo d'intesa siglato tra Generali Real Estate e la Compagnie Saint-Gobain (leader globale nei settori dell’habitat e delle costruzioni) per l'allestimento della nuova sede della società francese nell’immobile che avrà il nome di Tour Saint-Gobain,nel quartiere de La Défense (storico quartiere d'affari, nell’area di Courbevoie). Assistita da Hines France, Generali Real Estate svilupperà un’iconica torre di circa 49 mila metri quadrati su 34 piani e 165 metri d’altezza che vuole porsi come esempio di qualità ambientale integrato al contesto ambientale circostante, privilegiando il benessere degli utenti e l'aspetto energetico. Il progetto architettonico, tecnico e ambientale è a cura dello Studio Valode & Pistre, selezionato dopo una gara internazionale di architettura da Generali insieme a Saint-Gobain e all’Epadesa (autorità pubblica di sviluppo de La Défense Seine Arche). Ritorna attivo il fondo Generali Investments Sicav - Absolute Return Credit Strategies (ARCS) di Generali Investments Europe Spa Sgr.
SPECIALI
Le News di Of
In America lo chiamano foliage, ed è una vera e propria attrazione (e risorsa) turistica. Osservare come boschi e foreste mutano colori e sfumature, è diventato per molti motivo di viaggio. Anche in Italia, che certo non manca per bellezze paesaggistiche. Ma se si è a corto di idee, TripAdvisor viene in aiuto con la graduatoria dei parchi urbani più belli del Paese, quelli che si sono guadagnati un posto nella Travellers’ Choice 2014, la classifica firmata dalla community che racchiude luoghi, locali e destinazioni più votati dell’anno. Of ha approfondito ogni sito, scoprendo cosa c’è dietro alle recensioni entusiaste e gli alti punteggi. E affiancando, ad ognuno di essi, la tariffa dell’hotel della zona. Ecco i parchi più belli dove puntare la fotocamera.
Le News di Of
Ancora qualche settimana, e il paesaggio inizierà ad arricchirsi di vivaci colori autunnali, dando inizio a una stagione solo apparentemente triste e malinconica. Perché l’autunno, con le sue brillanti sfumature cromatiche, è capace di affascinare molti; tanto che in America è ormai da anni motivo di viaggio, dando vita al fenomeno del turismo da foliage. Ma dove recarsi, in Italia, per ammirare il meglio dei prossimi mesi? TripAdvisor fornisce almeno 10 destinazioni. Sono le più votate dalla sua community e quelle entrate a far parte dei Traveller’s Choice 2014, che racchiudono il meglio dell’anno. Di seguito si possono scoprire le ultime cinque posizioni, a cui è stata affiancata la tariffa dell’hotel situato nelle vicinanze, per chi qui volesse organizzare una partenza mordi e fuggi.
INCHIESTE
Il Sole 24 Ore
La Federal Reserve dovrebbe confermare oggi la sua intenzione di fermare presto le iniezioni di liquidità. Domani la Banca centrale europea, con il suo primo Tltro, inizierà una lunga fase di espansione del bilancio
Il Sole 24 Ore
Il primo impatto di una vittoria degli indipendentisti colpirebbe la sterlina. Che crollerebbe secondo Scotiabank almeno a quota 1,55 contro il dollaro (-5% dai livelli attuali), ripiombando a livelli di un anno fa e annullando completamente la corsa della valuta legata alla robusta ripresa economica del Regno. Sempre che a Edimburgo venga permesso di mantenere la sterlina, il che non è scontato.
COMMENTI
Il Sole 24 Ore — Donato Masciandaro
La banca centrale americana (Fed) continua la politica monetaria del doppio binario: espansione monetaria oggi con restrizione in un domani non meglio specificato. Da questa ambiguità traggono vantaggio solo la parte più miope dei mercati - quelli finanziari - e la stessa Fed, che così può meglio accomodare sia gli interessi di Wall Street che quelli della politica. Allo stesso tempo, l'ambiguità può danneggiare non solo l'economia americana, visto che riduce l'efficacia dell'azione di chi, come la Banca centrale europea (Bce), sta provando a mettere in atto politiche espansive. Il presidente Yellen ha annunciato quello che tutti si attendevano: la politica monetaria americana continuerà ad essere caratterizzata dalla strategia di «un colpo al cerchio ed un altro alla botte». Traduzione: l'eccesso di crescita della base monetaria creato acquistando titoli va scemando, ma l'orientamento della politica monetaria continuerà a rimanere espansivo per un tempo indeterminato
Il Sole 24 Ore — Adam Turner
Londra – Il discorso del governatore della Bce Mario Draghi al simposio annuale dei banchieri centrali a Jackson Hole, ha suscitato grande interesse, ma le implicazioni delle sue dichiarazioni sono ancora più sorprendenti di quello che molti hanno creduto in un primo momento. Se si vuole evitare lo sfacelo dell'eurozona, per uscire dalla prolungata recessione, la Bce dovrà finanziare di più i deficit fiscali, una realtà che non è facile da ammettere. I dati economici più recenti hanno costretto i politici dell'eurozona a correre ai ripari davanti ai grandi rischi deflazionisti ormai evidenti da almeno due anni. L'inflazione stagna ben al di sotto del 2 per cento – l'obiettivo annuale della Bce – e la crescita del Pil ha subito una battuta d'arresto. Senza una forte azione politica, per l'eurozona, come per il Giappone dagli anni ‘90, si prospettano dieci o vent'anni di crescita lenta e faticosa. Fino al mese scorso, le proposte politiche avanzate per rispondere alla preoccupazione sulla crescita non sono state convincenti
INTERNAZIONALE
The Financial Times
High quality global journalism requires investment. Please share this article with others using the link below, do not cut & paste the article. See our Ts&Cs and Copyright Policy for more detail. Email ftsales.support@ft.com to buy additional rights. http://www.ft.com/cms/s/0/868c7380-3ce0-11e4-9733-00144feabdc0.html#ixzz3De8fcQNH Europe’s monetary guardians will see this week whether their first attempt at reviving the eurozone’s economic recovery by inflating the European Central Bank’s balance sheet pays off. The ECB on Thursday will make one of its most important offers of cheap cash since the financial crisis. With the currency bloc’s inflation at a five-year low of 0.3 per cent and the economy stagnant, officials hope the take-up of the first of its eight so-called targeted longer-term refinancing operations (TLTROs) is near the top end of analysts’ estimates.
Market Watch
Once the Federal Reserve begins raising rates, it’s likely to raise interest rates at nearly every meeting of the Federal Open Market Committee for two years, according to the dot plot released by the Fed today. The federal funds rate is now between 0% and 0.25% and is likely to remain there for a “considerable time,” the Fed said Wednesday. But by the end of 2017, the majority of the committee expects the fed funds rate to rise to around 3.75%. The Fed usually raises rates in quarter-point moves. That means the end game of 3.75% is 13 rate hikes away.
The Wall Street Journal
As interest rates hover near zero, Germans are putting billions of euros into higher-yielding foreign savings accounts, a break from their long-held preference for dull but safe domestic banks. Attracting the most cash are large banks from the Netherlands, with ING Groep at the forefront. Also in the mix are banks from troubled markets including Portugal and Russia, where economic woes have pushed up local interest rates. An Internet startup, SavingGlobal.com, is aggressively marketing high-interest accounts outside Germany.
The Wall Street Journal
Fitch Ratings came up Wednesday with a 17-page report on the risks and implications of deflation in the eurozone, which is surprisingly easy to summarize. Here’s Fitch’s message: if deflation is good, that’s a good thing. If it’s bad, that’s a bad thing. This may sound a bit absurd, not to mention obvious, but actually goes to the heart of the question. Deflation is defined by economists as a persistent fall in prices, and is usually identified by consumer price indexes staying in the red for months on end. Now, the problem is that the historical experience of developed countries indicates that deflation has often been positive for economic growth—namely, much of the 19th century—and very negative in one terrible example everybody remembers—the U.S. Great Depression. The explanation for this is that lower prices may come from two different avenues: (...)
The New York Times
stimated inflation in the eurozone was revised upward on Wednesday, tempering fears that the currency bloc is in danger of being caught in a destructive downward price spiral. Eurostat, the European Union statistics agency, said that the annual rate of inflation in the 18 countries that use the euro was 0.4 percent in August and therefore unchanged from July. Eurostat had earlier estimated August inflation at 0.3 percent. Inflation remains well below the European Central Bank’s official target of just below 2 percent. The revised figure for August suggests that inflation may have stabilized, but is unlikely to end a debate among economists about whether the eurozone is at risk of deflation — a broad, sustained decline in prices that is associated with depression and high unemployment.
TECNOLOGIA
Corriere della Sera
Dopo averci riempito gli occhi con i nuovi gadget del desiderio (qui tutte le novità su iPhone 6, iPhone 6 Plus e Apple Watch) Apple cala la carta del software (testi a cura di Martina Pennisi). FOTOGALLERY
Corriere della Sera
Autisti fermi e applicazione bloccata. La Germania ha detto no a Uber, la startup statunitense che permette il noleggio di automobili con autista. La sentenza, arrivata a fine agosto, è temporanea e la società ha già dichiarato che farà ricorso, ma è probabile che il problema si ripresenti. Se non in Germania, in un altro Paese: Uber fronteggia le accuse di concorrenza sleale da parte dei taxisti da quando è stata lanciata. È il rischio con il quale devono vedersela le società che hanno fondato il loro business sulla sharing economy, cioè l’abitudine a condividere qualcosa che già si possiede con altri, a pagamento o meno. Il consumo collaborativo sta prendendo piede anche in Italia come confermano i risultati di una ricerca Ipsos commissionata da Airbnb e BlaBlaCar e diffusa a luglio 2014. Il sondaggio, su un campione di mille italiani tra i 18 ed i 64 anni, evidenzia come il 31% degli intervistati si sia dichiarato pronto a utilizzarla.
Wired
Chissà, forse l’approdo sarà proprio quello di una Super Internet, come racconta Jeremy Rifkin nel suo nuovo libro La società a costo marginale zero. Una società per la quale prevede “una rete intelligente che consenta lo scambio non solo di informazioni ma anche di oggetti, grazie alle stampanti 3D – come ha raccontato di recente a Repubblica – e soprattutto di energia rinnovabile che tutti ormai possono produrre autonomamente”. Una volta tanto, non pare che l’economista statunitense la stia facendo troppo facile.
La Stampa
Facebook ha lanciato Facebook Media una risorsa per media, imprese e personaggi pubblici. Il nuovo hub è pieno di consigli utili e strategie per chi usa il social network come strumento di marketing. Sono fondamentalmente tre gli ambiti d’interesse di Facebook Media: 1.Come aumentare il traffico verso il proprio sito web 2.Come coinvolgere più e meglio i fan su Facebook 3.Come integrare Facebook con le trasmissioni televisive
La Stampa
Alla recente Ifa di Berlino abbiamo scoperto che una sola azienda ha avuto il privilegio di essere presente in diversi padiglioni, su prodotti di case spesso concorrenti ma unite da un’unica passione: la musica. Stiamo parlando di Spotify, il servizio che ha rivoluzionato la musica online, permettendo di accedere a milioni di canzoni, in qualsiasi momento della giornata, da vari dispositivi. Prima una partenza con il botto su computer, poi l’arrivo su smartphone e tablet e adesso sulle Smart TV e impianti domestici di nuova generazione.
Market Watch
It’s music to some users’ ears: Amazon.com Inc. AMZN, -1.15% is launching a streaming music service that’s free for Prime users. But does this make the $99 Amazon Prime price tag worth it? Amazon announced Thursday that it is launching an ad-free streaming music service called Prime Music that will give Amazon Prime members free access to more than one million songs, including acts like Beyonce, Pink, Bruno Mars, Blake Shelton, Madonna, Bruce Springsteen, The Lumineers and Justin Timberlake.
© 2010-2015 e-content.net | Dedicated Server Intermedia Co. (Palo Alto, California) | Tutti i diritti riservati | Vai alla pagina informativa della lista OFNews per disattivarti o per invitare qualcuno






LE NEWS PIÙ LETTE


10

1) Mutui. Il momento d’oro delle ristrutturazioni

In un mercato immobiliare ancora scosso dalla crisi, è un settore che gode di un certo dinamismo. I bonus fiscali (che il governo sta pensando di prolungare per altri 12 mesi) garantiscono un risparmio del 50% (o del 65% se si punta sul risparmio energetico). Mentre le banche fanno la loro parte. Ci sono mutui e prestiti appositi. Con tassi che vanno dal 2,15% all’8,91%, in promozione.

2) Benessere ad alta quota: per riprendersi dalle vacanze (fatte o saltate)/1a parte

Ecco i grandi centri termali in montagna. Per un rilassante week end fuori porta o per chi sente già il bisogno di staccare la spina dai ritmi della quotidianità, qui potrà trovare piccoli angoli di paradiso. Nello splendido panorama della Valtellina. Ai piedi del Monte Bianco. A pochi chilometri da Bolzano e nel Parco Naturale delle Alpi Marittime. Ecco dove rigenerarsi

3) Bollettino settembre. I trend del mese

MPS ha lanciato un nuovo mutuo dedicato solo ai nuovi clienti. UBI Banca punta invece su un prestito per ristrutturare casa o effettuare lavori legati al risparmio energetico. Poche le novità nei conti correnti e nei conti di deposito: Unipol Banca propone in promozione i conti della gamma Valore Comune, mentre IWBank premia con un rendimento bonus chi apre un conto di deposito in versione Autumn 2014. Intesa Sanpaolo permetterà, invece, a chi partecipa a Expo 2015 di caricare il biglietto di entrata direttamente sulla nuova carta. Ecco le novità del periodo estivo e di settembre

4) Benessere ad alta quota: per riprendersi dalle vacanze (fatte o saltate)/2a parte

5) L'immobiliare non si riprende. L’allarme di Dondi (Nomisma)

6) Pos obbligatorio? Tutte le offerte a confronto

7) Cerchi un mutuo? Un conto? Diventa socio (riaggiornato)

8) I colori dell’autunno in città: i 10 parchi urbani più belli d’Italia/2a parte

9) Cerchi un mutuo? Un conto? Diventa socio (riaggiornato)

10) I colori dell’autunno in città: i 10 parchi urbani più belli d’Italia/1a parte


10

1) Ritorno in città: 10 eventi italiani da non perdere

Gastronomia, design, cinema e arte. Ecco cosa riserverà il settembre italiano. A Milano, dopo il successo dello scorso gennaio, torna la seconda edizione di Homi, la fiera del life style. San Vito lo Capo celebra invece l’integrazione culturale con il Cous Cous Festival, mentre la capitale diventa il centro dell’eccellenza enogastronomica italiana con Taste of Roma. E ancora: il Milano Film Festival, la mostra fiorentina su Picasso e quella romana dedicata a Henri Cartier Bresson. Per un rientro in città che non farà (si spera) rimpiangere il mare

2) Cerchi un mutuo? Un conto? Diventa socio (riaggiornato)

Il credito ha chiuso i rubinetti. Ma Popolari e BCC sono la lieta eccezione. Tuttavia sempre più spesso chiedono ai nuovi clienti di diventare soci. I vantaggi sono evidenti: avere il tanto agognato finanziamento. Ottenere condizioni migliori per conti e prestiti. Gli svantaggi? Dover pagare una sorta di sovrapprezzo. E… Le ultime novità da Banca Popolare di Piacenza e BPER

3) Mutui. Il momento d’oro delle ristrutturazioni

In un mercato immobiliare ancora scosso dalla crisi, è un settore che gode di un certo dinamismo. I bonus fiscali (che il governo sta pensando di prolungare per altri 12 mesi) garantiscono un risparmio del 50% (o del 65% se si punta sul risparmio energetico). Mentre le banche fanno la loro parte. Ci sono mutui e prestiti appositi. Con tassi che vanno dal 2,15% all’8,91%, in promozione.

4) L'immobiliare non si riprende. L’allarme di Dondi (Nomisma)

5) Vite, mattoni, oggetti: chi c’è dietro ai pagamenti per giocare online (Aggiornato)

6) 50 siti italiani sono patrimonio di tutta l'umanità. Conosciamoli meglio/1a parte

7) Cerchi un mutuo? Un conto? Diventa socio (riaggiornato)

8) Tutti a scuola (vestiti di nuovo)

9) Settembre a Berlino, Londra, Madrid…

10) Pos obbligatorio? Tutte le offerte a confronto

Tutte le news più lette

CONNESSI AL MONDO DELLE NEWS

Rassegna stampa da 100 siti.
OfNews è la prima Rassegna Stampa e Tv online. Ogni mattina online o anche via email ti offre una selezione ragionata, realizzata da una redazione di giornalisti, delle principali notizie apparse sul web e firmate da oltre 100 siti di news e tv, italiani e internazionali. OfNews ti informa su economia, finanza e tecnologia (web, cellulari e hitech)


Leggi OfNews: economia, finanza e tecnologia


 HOME PAGE | SCRIVI | CHIEDI | TORNA IN ALTO
© 2009-10 OFNetwork s.r.l. P.IVA 06826940964 Corso Magenta 32 20123 Milano | Dedicated Server Intermedia Co. (Palo Alto, California) | Tutti i diritti riservati | Contattaci |